Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 18.06.2018 ore 17.18
Sei qui: Home | Aemilia, Regione: un dovere essere in aula
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Aemilia, Regione: un dovere essere in aula


"Essere qui è fondamentale, oltre che un dovere istituzionale". Così l'assessora regionale Emma Petitti, presente in aula a Reggio Emilia all'udienza del processo Aemilia, ha commentato l'impegno della Regione, parte civile nel procedimento, contro la criminalità organizzata in Emilia.

 
"Da anni ormai - ha detto - andiamo denunciando che è la comunità intera a pagare le spese là dove si verifichino infiltrazioni illegali connesse alla criminalità organizzata.
 
Per questo abbiamo sostenuto e voluto, anche economicamente stanziando 1 milione e 200 mila euro, che questo processo si tenesse qui, nel territorio in cui si è concretizzata l'inchiesta Aemilia".
"Dobbiamo essere tutti uniti e compatti contro le mafie - aggiunge da Bologna il presidente della Regione, Stefano Bonaccini - e il nostro è un impegno quotidiano. Non abbasseremo neanche per un attimo la guardia sul rispetto dei diritti, delle norme e sulla necessità di controlli: correttezza e legalità sono per noi valori irrinunciabili".


Ultimo aggiornamento: 24/05/18

24/05/18 h. 16.37
Fausto Poli dice:

La Regione non si e' mai occupata della mafia emiliana.

Esprimi il tuo commento