Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Luned́ 16.07.2018 ore 03.14
Sei qui: Home | 386 auto usate per reati, unico intestatario
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

386 auto usate per reati, unico intestatario


I carabinieri stanno eseguendo, su disposizione del Tribunale di Milano, il sequestro preventivo di 386 veicoli, del valore di circa 3 milioni di euro, intestati a una "testa di legno" e usati da criminali per compiere truffe, furti, rapine e spaccio di droga. I sequestri delle auto stanno avvenendo in vari paesi europei, eseguiti con la collaborazione di diverse polizie straniere.


 
Il prestanome è stato denunciato per 'falsità ideologica continuata del pubblico ufficiale per errore determinato dall’altrui inganno".
 
L’attività investigativa (denominata 'Ghost cars') nasce a seguito di accertamenti svolti su alcune auto utilizzate per commettere reati in danno di anziani e fasce deboli nella provincia veneziana ed ha permesso ai carabinieri di accertare come le stesse venissero utilizzate anche per commettere furti, borseggi, rapine, spaccio di stupefacenti e truffe alle assicurazioni in Italia e all’estero. 
Per il momento l’unico indagato è un italiano di 28 anni a cui erano intestate tutte le auto oggetto del sequestro che ha sinora interessato le province di Milano, Reggio Emilia, Pistoia, Pavia, Parma, Venezia, Firenze, Torino, Massa Carrara, Como, Bologna e, grazie alla cooperazione internazionale attivata tramite Europol, 25 autovetture sono state sequestrate in Germania, Spagna, Francia, Ungheria, Bulgaria, Romania, Svizzera. 
 
E’ stato inoltre verificato accertato che l’indagato, in cambio di poche decine di euro, si prestava a fungere da "testa di legno", intestandosi le autovetture attraverso agenzie di pratiche auto della provincia di Milano (da qui il provvedimento da parte dell’autorità giudiziaria meneghina), che venivano utilizzate perlopiù da soggetti romeni di etnia Rom o nordafricani con precedenti penali o di polizia. 
L’attività, rileva l’Arma, assume significativa importanza poichè colpisce un gran numero di gruppi criminali privandoli dei mezzi necessari ai loro spostamenti in totale anonimato in Italia ed Europa, molti dei quali risultati essere auto di grossa cilindrata riferibili alle più note case automobilistiche di pregio.
 
 
 
 


Ultimo aggiornamento: 09/07/18

Esprimi il tuo commento