Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 17.12.2017 ore 05.27
Sei qui: Home | 21enne profugo spaccia in stazione a Reggio
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

21enne profugo spaccia in stazione a Reggio


In possesso di permesso di soggiorno per motivi umanitari bazzicava la zona stazione di Reggio Emilia con i calzini "imbottiti" della famigerata "eroina farmaceutica" nota come tailandese ovvero il tipo di eroina con la percentuale più elevata di principio attivo (a volte oltre il 90%) e per questo a maggiori rischio overdose per gli assuntori.



A scoprirlo i carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia che con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio si sostanze stupefacenti hanno arrestato un 21enne profugo ivoriano in Italia senza fissa dimora. L'origine dei fatti giovedì poco dopo le 15,00 quando una pattuglia del nucleo radiomobile durante un servizio di controllo del territorio nel transitare in Piazzale Marconi di Reggio Emilia - zona notoriamente frequentata da spacciatori e tossicodipendenti - notava un giovane extracomunitario seduto all'esterno di un bar in sospettosa attesa desunta dal fatto che i militari lo vedevano guardarsi nervosamente attorno alternando, agli sguardi guardinghi, brevi telefonate con il suo cellulare. 
 
L'atteggiamento sospetto del giovane induceva i militari a controllarlo e identificarlo in un cittadino ivoriano in possesso di permesso soggiorno rilasciato per motivi umanitari. In disponibilità dello straniero i carabinieri rinvenivano la somma di 300 euro in banconote di piccolo taglio e un costoso smartphone. Non poca roba per un nullafacente tanto da far ritenere il contante provento dell'illecita attività di spaccio e il cellulare il tramite per i contatti con i clienti. Per questo motivo i carabinieri procedevano a ispezione personale il giovane rinvenendo nei calzini che indossava una quarantina di dosi di eroina tailandese del peso complessivo di circa 25 grammi. Alla luce di quanto accertato il giovane veniva condotto alla Caserma Carmana sede del comando Provinciale dei Carabinieri dove veniva arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Questa mattina comparirà davanti al Tribunale di Reggio Emilia per rispondere delle accuse contestategli.
 


Ultimo aggiornamento: 17/11/17

Esprimi il tuo commento