Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 20.11.2017 ore 20.08
Sei qui: Home | "Rimborsi per tutti o voli alternativi". Ryanair: soluzione rapida. Mobilitati i consumatori
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

"Rimborsi per tutti o voli alternativi". Ryanair: soluzione rapida. Mobilitati i consumatori


Lo dice la compagnia aerea in un comunicato di aggiornamento sulla situazione, precisando che al momento per oltre il 75% dei viaggiatori coinvolti è stato trovato un volo alternativo o il rimborso. Entro questa settimana, poi, si prevede di trovare una soluzione per oltre il 90% dei passeggeri (oltre 360mila persone).


 
Per quanto riguarda invece le cancellazioni per 6 settimane fino a fine ottobre annunciate il 18 settembre al momento sono state trovate soluzioni per oltre 308mila passeggeri (oltre il 98% di quelli coinvolti), spiega la compagnia: il restante 2% non ha ancora contattato la low cost. 
 
La messa a terra di 25 aerei decisa da Ryanair per la stagione invernale (novembre 2017-marzo 2018) ha provocato anche la sospensione di 34 rotte. Di queste, 11 sono provenienti o dirette verso aeroporti italiani. E’ quanto emerge dalla lista delle 34 rotte pubblicata da Ryanair. In particolare 7 rotte interessano lo scalo di Trapani (di cui 3 con città europee e 4 collegamenti nazionali con Parma, Genova, Roma e Triste). Saltano anche le rotte tra Venezia e Amburgo e Sofia; il collegamento tra Pisa e Sofia e quello tra Palermo e Bucarest.
 
Nel frattempo Federconsumatori di Modena informa che "in questi giorni tantissime segnalazioni sono arrivate allo suo sportello dedicato “SOS Turista”, lamentando la cancellazione del volo precedentemente prenotato dalla compagnia aerea Ryanair. 
Il vettore, con la cancellazione di questi voli, ha creato tanti danni e disagi ai viaggiatori coinvolti e leso i loro diritti di passeggeri. Ben undici rotte sono state cancellate per l’Italia, disagi che si dovrebbero protrarre, come comunicato dalla compagnia, fino al 24/03/2018.
Ryanair si è resa disponibile a rimborsare i biglietti e la compensazione pecuniaria dovuta nel caso in cui la cancellazione sia stata comunicata al passeggero nei quindici giorni che precedono la partenza e non siano stati predisposti voli alternativi entro determinati parametri. Per ottenere il rimborso e relativo risarcimento, è necessario utilizzare i moduli predisposti sul sito della compagnia aerea o inviare una lettera tramite raccomandata a/r alla sede di Dublino di Ryanair, possibilmente scritta in inglese.
Alcune persone, che hanno già provveduto ad inoltrare la richiesta, lamentano come insufficiente la proposta risarcitoria da parte della compagnia aerea di buoni, da utilizzare per una futura prenotazione, buoni che a volte sono inferiori al costo del biglietto acquistato o alla compensazione pecuniaria prevista.
Federconsumatori ricorda che, in base alla normativa vigente, deve essere restituito il prezzo pieno del biglietto e allo stesso prezzo al quale è stato acquistato. Inoltre, sia il rimborso del titolo di viaggio che la compensazione pecuniaria possono essere pagati tramite buoni o altri servizi solo previo accordo firmato dal passeggero, ciò significa che se non viene accettata questa forma di pagamento, può essere chiesta la somma dovuta in denaro.
Federconsumatori informa che, sempre tramite lo sportello “SOS Turista”, è disponibile per tutte le informazioni del caso o aperture di pratiche nei confronti della compagnia aerea".


Ultimo aggiornamento: 04/10/17

Esprimi il tuo commento