Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 21.04.2014 ore 11.35
5 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Il prefetto De Miro firma due nuove interdittive antimafia


Il prefetto di Reggio Antonella De Miro ha firmato lo scorso martedì due interdittive antimafia nei confronti di altrettante imprese che si erano aggiudicate appalti nel territorio provinciale. Su queste imprese vi sarebbero, infatti, legami sospetti con la criminalità organizzata siciliana.

La decisione sarebbe stata presa dopo un confronto con le forze dell'ordine. Le due imprese sarebbero da collegarsi, secondo le indagini degli inquirenti, a Cosa Nostra.

"Siamo certi di colpire nel segno, non di sparare nel muccchio" ha precisato il prefetto.

Sulle 25 interdittive firmate dalla De Miro, 8 hanno portato ad un ricorso al Tar che però non ne ha accolto neanche uno.


Ultimo aggiornamento: 05/10/12

  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Aggiungi a Technorati
  • OKNotizie
12/03/13 h. 3.25
Umberto G. dice:

Prefetto . Perfetto .

11/03/13 h. 23.34
Nicola dice:

Complimenti veramente!! Bravissima. Fino ad oggi sfruttando i precedenti penali di qualcuno sta affamando intere famiglie di meridionali in favore di colossi cooperative , societa' vicine al partito.
Non abbiamo visto nessun mafioso fermato ma solo dei muratori e poveri trasportatori colpiti al cuore e messi in mezzo ad una strada.
Abbiamo visto togliere il lavoro in favore del fratello della camera di commercio e altri amici.
L abbiamo visto ritirare premi da associazioni finanziate dal fratello del trasportatore. Ma con i soldi nostri!!
Reggiani svegliatevi!! Il cancro lo abbiamo nelle istituzioni !!
Mafie e storie simili, che pure esistono, centrano un decimo rispetto al cancro politico/amministrativo che abbiamo a reggio. La grecia e' fallita... Quasi.. Eppure non ce la ndrangheta! Vedi la spagna, ce cosa nostra?
Sono loro il cancro altro che la mafia. Con questo non assollvo la mafia ovvio. Ma basta paladini del cazzo! Questa eroina vede che un muratore e' andato ad un funerale e non vede che una cooperativa ha fatto affari milionare con famiglie che solo a nominarle trema il cuore. Cooperative reggiane! Leggete genova insegna!

10/10/12 h. 10.18
Giulio dice:

Benissimo.
Ma si possono sapere i nomi delle ditte e dei titolari, di grazia?

05/10/12 h. 15.59
blue dice:

Mille volte brava! Grazie a lei e a chi indaga senza cadere nel ricatto della politica locale.

04/10/12 h. 18.03
Federico(primo e ultimo) dice:

Complienti alla De Miro, l'unico prefetto che a Reggio abbia fatto qualche cosa. Brava, e pensare che fino a qualche tempo fa c'era gente che strappava i cartelli a chi ricordava che la mafia esiste.

Esprimi il tuo commento
I commenti sono moderati e saranno pubblicati solo dopo l'approvazione della redazione.